1

CASSAZIONE PRIMA PAGINA

La fattura non contestata e annotata ha il valore indubitabile di “confessione”

Fornitura – Corrispettivo – Compensazione credito –Fattura registrata – Art. 2710 c.c – Valore probatorio – Esistenza del credito – Accettazione dal contraente – Prova legale –  Annotazione

Continua a leggere…
2

CASSAZIONE PRIMA PAGINA

La motivazione apparente rende nulla la sentenza

Tributi – IRES e IVA – Accertamento – Presunzioni – Contenzioso tributario – Acquisto beni –  Oggettivamente inesistenti – Soggettivamente inesistenti – Qualificazione – Motivazioni degli atti impositivi ed onere della prova – Omessa o apparente motivazione – Principio di iura novit curia

Continua a leggere…
3

CASSAZIONE PRIMA PAGINA

Valida la procura cartacea allegata alla Pec del ricorso “nativo digitale”

Tributi –  Contenzioso tributario – Procura speciale alle liti – ex art. 83, comma 3, c.p.c – Formato nativo digitale – Notifica a mezzo posta elettronica certificata (PEC) – Deposito telematico – Procura difensiva redatta su supporto cartaceo sottoscritta dalla parte in modalità analogica – Requisito della specialità della procura – Specialità “per collocazione topografica” – Congiunzione materiale tra procura e ricorso per cassazione redatti in modalità analogica  – Configurabilità – Contrasto di giurisprudenza – Art. 83 c.3 c.p.c. – Ruolo dell’avvocato

Continua a leggere…
4

CASSAZIONE PRIMA PAGINA

Ricorso per Cassazione: la procura speciale non richiede la contestualità con l’atto

Tributi –  Contenzioso tributario – Opposizione – Cartella esattoriale – Procura speciale alle liti – ex art. 83, comma 3, c.p.c – Ricorso in Cassazione – Requisito di specialità – Procura congiunta – Contrasto di giurisprudenza – Art. 83 c.3 c.p.c. – Ruolo dell’avvocato

Continua a leggere…
5

EUROPA NEWS PRIMA PAGINA

News dall’Europa

Misure più rigide nel pacchetto antiriciclaggio. Il Consiglio e il Parlamento hanno raggiunto un accordo su alcuni aspetti del nuovo sistema antiriciclaggio dell’Unione, che mira a proteggere i cittadini e il sistema finanziario dal riciclaggio e dal finanziamento del terrorismo. A seguito dell’intesa tutte le norme applicabili al settore privato saranno trasferite in un nuovo regolamento, mentre una direttiva si occuperà dell’organizzazione di sistemi istituzionali antiriciclaggio e di lotta al

Continua a leggere…
6

NEWS PRIMA PAGINA

News dall’Italia

IVA e ritenute d’acconto, il nuovo limite minimo dei versamenti è 100 euro. Tra le novità introdotte dalla riforma fiscale, la nuova soglia minima per il versamento dell’IVA relativo alle liquidazioni mensili o trimestrali relative all’anno d’imposta 2024, che passa da 25,82 a 100 euro, il che permette ai contribuenti interessati di differire al periodo successivo il pagamento, se non supera tale importo. Analogamente, con decorrenza dal mese di gennaio 2024, se l’importo delle ritenute d’acconto effettuate sui compensi corrisposti ai lavoratori autonomi da parte dei sostituti d’imposta è minore di 100 euro, il versamento sarà effettuato insieme a quello del mese successivo, in ogni caso entro il 16 dicembre dell’anno interessato.

Continua a leggere…
7

FISCALITA FISCO & WEB PRIMA PAGINA

Le donazioni di denaro dall’estero sono esenti da imposta

Nella risposta 7/2024 l’Agenzia delle entrate tratta della tassazione, ai fini dell’imposta di donazione, di una donazione di denaro depositato su un conto estero da parte di donante estero a un  beneficiario italiano, riguardo al quale si afferma che in assenza dei criteri di collegamento con lo Stato italiano l’atto di donazione non è da assoggettare all’imposta sulle donazioni.

Continua a leggere…
8

FISCALITA FISCO & WEB PRIMA PAGINA

Gestori di piattaforme web, prorogato al 15 febbraio l’obbligo di comunicare i redditi

A partire dall’anno in corso entra in vigore l’obbligo di comunicare i redditi prodotti tramite piattaforme web che complessivamente, tramite la vendita di beni (auto, vestiti, mobili usati, ecc.) e servizi (ad esempio, gli affitti brevi) producono incassi con un importo totale del corrispettivo da 2.000 euro nell’anno per almeno 30 operazioni.

Continua a leggere…
9

FISCALITA PRIMA PAGINA

Debiti previdenziali e contributivi, compensazione anche con i crediti da superbonus

Una società pone un quesito in merito alla possibilità di utilizzare i crediti d’imposta derivanti dalla detrazione per il superbonus in compensazione con debiti previdenziali e contributivi relativi al proprio personale dipendente.

Nel caso prospettato una seconda azienda, facente parte dello stesso gruppo societario della istante, intende stipulare con questa un contratto avente a oggetto la cessione diretta di parte del credito d’imposta maturato in relazione a interventi rientranti nel superbonus e in altri bonus edilizi (interventi di ristrutturazione edilizia, di riqualificazione energetica, antisismici e di recupero e restauro delle facciate di edifici esistenti).

Continua a leggere…
10

FISCALITA PRIMA PAGINA

Adempimento collaborativo, le novità dal 2024

Il regime di adempimento collaborativo, istituito con il D.lgs. 128/2015 – rubricato “Disposizioni sulla certezza del diritto nei rapporti tra fisco e contribuente” – si pone come obiettivo un rapporto di fiducia tra amministrazione fiscale contribuente, da raggiungere tramite un dialogo effettivo e costruttivo, costante e preventivo con il contribuente su elementi di fatto, compresa l’anticipazione del controllo, finalizzata a una comune valutazione delle situazioni suscettibili di generare rischi fiscali.

Continua a leggere…
11

FISCALITA PRIMA PAGINA

Bonus fiscali e irrilevanza reddituale della differenza tra credito d’imposta e costo d’acquisto

Uno studio associato, che rappresenta di svolgere attività di “Servizi forniti da dottori commercialisti” nella forma giuridica di associazione professionale, intende acquistare crediti d’imposta relativi ai bonus fiscali introdotti dal Dl 34/2020 (decreto rilancio) per interventi di ristrutturazione edilizia, e precisa che:

Continua a leggere…
12

PRIMA PAGINA

Professionista che rientra in Italia, tassazione agevolata e prosecuzione dell’attività

Il regime speciale per lavoratori impatriati – introdotto dal D.lgs. 147/2015 – è stato oggetto di modifiche normative, introdotte dal Dl 34/2019 (decreto crescita) che si applicano, con decorrenza dal 30 aprile 2019, ai soggetti che trasferiscono la residenza in Italia e risultano beneficiari del regime previsto dall’articolo 16 del citato D.lgs. 147/2015.

Continua a leggere…