CASSAZIONE

La domanda di rateazione sospende la prescrizione ma riconosce il debito

Accertamento – Riscossione – Cartella di pagamento – Notificazione tramite posta

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 16098 del 18 giugno 2018, ha stabilito che il riconoscimento del debito, provato dalla domanda del contribuente di rateizzare la cartella, comporta in ogni caso l’interruzione del decorso del termine di prescrizione e si pone, quindi, in maniera incompatibile con il reclamo avanzato basato sulla asserita mancanza della notifica delle cartelle.

La Suprema Corte ha peraltro illustrato il principio distintivo tra l’effetto dell’inesistenza di ipotesi di acquiescenza del debito, in seguito a domanda di rateizzazione che riguarda l’an della pretesa tributaria e l’effetto interruttivo della prescrizione estintiva incorporata nell’atto della riscossione, che riguarda la differente problematica del quantum debeatur della medesima pretesa.

Premettiamo, a puro titolo informativo, che la stessa Corte di Cassazione, sez. V Civile, Ordinanza 18 novembre 2016–8 febbraio 2017, n. 3347, aveva affermato, in riferimento al ricorso di un contribuente che aveva impugnato dinanzi alla Commissione tributaria delle cartelle di pagamento per sanzioni e interessi relativi a omessi o ritardati versamenti di imposte, che la richiesta di rateizzazione di per sé non è riconoscimento del debito.

La Corte si era peraltro richiamata al condiviso principio giurisprudenziale espresso nella sentenza n. 2463 del 1975 secondo il quale non si può attribuire “al puro e semplice riconoscimento, esplicito o implicito, fatto dal contribuente d’essere tenuto al pagamento di un tributo e contenuto in atti della procedura di accertamento e di riscossione (denunce, adesioni, pagamenti, domande di rateizzazione o di altri benefici), l’effetto di precludere ogni contestazione in ordine all’an debeatur, salvo che non siano scaduti i termini di impugnazione e non possa considerarsi estinto il rapporto tributario”, specificando poi che “Le manifestazioni di volontà del contribuente, pertanto, quando non esprimano una chiara rinunzia al diritto di contestare l’an debeatur, debbono ritenersi giuridicamente rilevanti solo per ciò che concerne il quantum debeatur, nel senso di vincolare il contribuente ai dati a tal fine forniti o accettati”.

Nella sentenza in commento gli Ermellini, per fare ulteriore chiarezza, hanno quindi ben distinto inizialmente i due differenti concetti di “acquiescenza” e “riconoscimento del debito” che sorgono al momento della presentazione della richiesta di rateizzazione, specificando dettagliatamente anche la differenza degli effetti.

L’inesistenza dell’acquiescenza implica la possibilità che il ricorrente potrà contestare sempre il merito della pretesa e, quindi, l’an debeatur in riferimento a tutte le argomentazioni che riguardano il procedimento che ha condotto alla gestazione e alla nascita del credito tributario da parte dell’Ente impositore, ma quando si è formato il titolo esecutivo, ossia laddove la funzione cognitiva è oramai incontestabile per la sua irretrattabilità, legata alla notifica degli atti prodromici non impugnati, non vi è questione.

Il riconoscimento attuato con la manifestazione di volontà di rateizzare un debito, pur non comportando accettazione del debito nel senso sopra delimitato e secondo quanto affermato dalla citata sentenza 19 giugno 1975, n. 2436, diviene rilevante per ciò che riguarda il quantum debeatur, che riguarda tipicamente la contestazione della prescrizione, perché con l’eccezione di prescrizione non si contesta l’an debeatur ma si esercita la facoltà di riconoscere l’estinzione del debito per il decorso del tempo, previsto dalla legge, nell’inerzia del creditore.

La prescrizione, infatti, non può essere pronunciata d’ufficio e va opposta con il primo atto utile del procedimento di cui il contribuente è venuto a conoscenza.

L’art. 2934 c.c. descrive la prescrizione come fatto estintivo del diritto, tuttavia, secondo la dottrina moderna più recente la problematica della prescrizione va inquadrata in termini processuali. Secondo questa teoria il decorso del tempo non comporterebbe l’automatica estinzione del diritto del creditore ma, al contrario, farebbe sorgere in capo al debitore la possibilità di paralizzare quel diritto a lui svantaggioso attraverso l’esercizio dell’eccezione di prescrizione contro l’avversa azione esecutiva del creditore.

E’ di tutta evidenza, quindi, che con la rateizzazione il ricorrente ha di fatto compiuto un fatto giuridico incompatibile con la volontà di avvalersi della prescrizione.

I fatti in discussione hanno tratto origine dalla sentenza della CTR della Campania n. 7366/17/2016, che accoglieva l’appello del contribuente, promosso nei confronti di Equitalia, avverso la sentenza impugnata della CTP di Caserta che aveva dichiarato inammissibile il ricorso dallo stesso proposto con il quale erano state impugnate tre cartelle, asseritamente non notificate e quindi impugnate tramite gli estratti di ruolo.

Equitalia aveva fornito prova della regolare notifica solo per una delle tre cartelle, ma aveva depositato, a dimostrazione della regolare conoscenza delle cartelle di cui non produceva relata, la richiesta di rateizzazione ottenuta dal contribuente per l’intero carico iscritto a ruolo, ivi comprese anche le cartelle contestate con l’impugnazione e di cui non v’era prova di notificazione.

La Suprema Corte, con l’ordinanza in commento ha quindi concluso, che “… Il motivo è manifestamente fondato alla stregua dei principi affermati dalle Sezioni Unite di questa Corte (Cass. 2 ottobre 2015, n. 19704), che hanno chiarito che la tutela del contribuente può estendersi sì anche all’impugnazione delle cartelle e dei ruoli ad esse sottesi sempre che l’interesse all’impugnazione nasca effettivamente dalla conoscenza che se ne abbia, in assenza di notifica, solo per mezzo della consegna dell’estratto di ruolo, restando, al di fuori di detta ipotesi, non consentita l’impugnazione in sé dell’estratto di ruolo quale atto interno dell’Amministrazione. Di detto principio la sentenza impugnata non ha fatto corretta applicazione, ritenendo che solo per una delle cartelle l’agente della riscossione avesse provato l’avvenuta rituale notifica. Per le altre cartelle per le quali l’agente della riscossione aveva prodotto documentazione comprovante la richiesta di rateizzazione del debito dalle stesse portato e finanche il pagamento di un certo numero di rate (17 su 72 del beneficio concesso), pur richiamando remoto precedente di questa Corte (Cass. sez. 1, 19 giugno 1975, n. 2436), la sentenza impugnata se ne è in concreto discostata, perché, se è vero che di per sé in materia tributaria, non può costituire acquiescenza da parte del contribuente l’avere chiesto ed ottenuto, senza riserva alcuna, la rateizzazione degli importi indicati nelle cartelle di pagamento, nondimeno il riconoscimento del debito comporta in ogni caso l’interruzione del decorso del termine di prescrizione e si pone quindi in maniera incompatibile con l’allegazione del contribuente di non avere ricevuto notifica delle cartelle. Ciò comporta, come chiarito più di recente anche da Cass. sez. 5, 8 febbraio 2017, n. 3347, che in tanto è possibile comunque la contestazione nell’an della pretesa tributaria, sempre che non siano scaduti i termini per la proposizione dell’impugnazione avverso le cartelle, nella fattispecie in esame ampiamente decorsi all’atto della proposizione del ricorso in primo grado, avuto riguardo alla data del 15 gennaio 2012 dei provvedimenti che avevano autorizzato la rateizzazione del debito richiesta dal contribuente. Il ricorso è dunque fondato in relazione al primo motivo, ciò comportando l’assorbimento del terzo, e la sentenza impugnata va cassata senza rinvio, ex art. 382 c.p.c., perché la causa non avrebbe potuto essere proposta. Le spese del doppio grado del giudizio di merito possono essere compensate, stante l’incertezza della giurisprudenza risolta dall’intervento della citata pronuncia delle Sezioni Unite”.

 

CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA. N. 16098 DEL 18.06.2018

 

sul ricorso 3560-2017 proposto da:

EQUITALIA SERVIZI DI RISCOSSIONE SPA, in persona del Responsabile del Contenzioso Esattoriale, ora AGENZIA delle ENTRATE RISCOSSIONE, quale subentrante a titolo universale, elettivamente domiciliata in ROMA VIA DI VIGNA MURATA 31, presso lo studio dell’avvocato SIRIO GIAMETTA, dal quale è rappresentata e difesa, in virtù di procura speciale per Notar Marco De Luca del 5 luglio 2017, Rep. n. 42907, Racc. n. 24405

– ricorrente –

contro C. C.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 7366/17/2016 della COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE di NAPOLI, depositata il 27/07/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 22/03/2018 dal Consigliere Dott. LUCIO NAPOLITANO.

Ragioni della decisione

La Corte, costituito il contraddittorio camerale ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., come integralmente sostituito dal comma 1, lett. e), dell’art. 1 – bis del d.l. n. 168/2016, convertito, con modificazioni, dalla 1. n. 197/2016;

dato atto che il collegio ha autorizzato, come da decreto del Primo Presidente in data 14 settembre 2016, la redazione della presente motivazione in forma semplificata, osserva quanto segue:

Con sentenza n. 7366/17/2016, depositata il 27 luglio 2016, la CTR della Campania accolse parzialmente l’appello proposto dal sig. C. C. nei confronti di Equitalia Sud S.p.A. avverso la sentenza della CTP di Caserta, che aveva dichiarato inammissibile il ricorso proposto dal contribuente avverso tre cartelle di pagamento per tributi vari, delle quali il medesimo aveva dichiarato di essere venuto a conoscenza per mezzo di estratto di ruolo rilasciatogli dall’agente della riscossione, assumendo di non avere ricevuto notifica delle cartelle e dei ruoli ad esse sottesi.

La CTR ritenne che l’agente della riscossione avesse provato la notifica, mediante deposito del relativo avviso di ricevimento della raccomandata inviata per la relativa notifica, di una soltanto delle cartelle e che per il resto dovesse riconoscersi l’autonoma impugnabilità dei ruoli e delle cartelle, delle quali il contribuente era venuto a conoscenza tramite estratto di ruolo.

Avverso la pronuncia della CTR Equitalia Servizi di Riscossione S.p.A., incorporante Equitalia Sud S.p.A., ha proposto ricorso per cassazione, affidato e tre motivi

L’intimato non ha svolto difese.

In prosieguo, subentrata Agenzia delle Entrate — Riscossione a titolo universale nei rapporti di Equitalia Servizi di Riscossione S.p.A., la prima, nel costituirsi in prosieguo, ha insistito per l’accoglimento del ricorso proposto dalla propria dante causa.

Va in ordine logico esaminato prioritariamente il secondo motivo, col quale la ricorrente denuncia violazione dell’art. 132, comma 1, n. 4, c.p.c., in relazione all’art. 360, comma 1, n. 4, c.p.c., ritenendo che motivazione della sentenza impugnata sia meramente apparente.

Il motivo è manifestamente infondato, essendo la sentenza impugnata perfettamente idonea a consentire il controllo sulla ratio decidendi e dunque rispondendo pienamente al cd. “minimo costituzionale” alla stregua dei principi esposti da Cass. sez. unite 7 aprile 2014, n. 8053 e giurisprudenza conforme (tra le molte cfr. Cass. sez. unite 3 novembre 2016, n. 22232).

Con il primo motivo la ricorrente denuncia in rubrica violazione dell’art. 100 c.p.c., 2 e 111 Cost., in relazione all’art. 360, comma 1, n. 3, c.p.c., sviluppando nel corpo dell’articolazione della censura, in relazione alla giurisprudenza della Corte ivi richiamata, l’argomentazione anche in relazione alla violazione dell’art. 19 del d. lgs. n. 546/1992, rilevando l’erroneità dell’impugnata pronuncia nella parte in cui ha ritenuto ammissibile l’originaria impugnazione proposta dal contribuente avverso le cartelle ed i ruoli in questione per il tramite di estratto di ruolo, quantunque le risultanze probatorie avessero dimostrato che il contribuente aveva acquisito piena conoscenza di tutte le cartelle in questione, la cui impugnazione doveva ritenersi quindi inammissibile perché tardiva, non potendo assumersi — una volta notificate le cartelle — l’autonoma impugnabilità dell’estratto di ruolo quale atto interno dell’Amministrazione.

Il motivo è manifestamente fondato alla stregua dei principi affermati dalle Sezioni Unite di questa Corte (Cass. 2 ottobre 2015, n. 19704), che hanno chiarito che la tutela del contribuente può estendersi sì anche all’impugnazione delle cartelle e dei ruoli ad esse sottesi sempre che l’interesse all’impugnazione nasca effettivamente dalla conoscenza che se ne abbia, in assenza di notifica, solo per mezzo della consegna dell’estratto di ruolo, restando, al di fuori di detta ipotesi, non consentita l’impugnazione in sé dell’estratto di ruolo quale atto interno dell’Amministrazione.

Di detto principio la sentenza impugnata non ha fatto corretta applicazione, ritenendo che solo per una delle cartelle l’agente della riscossione avesse provato l’avvenuta rituale notifica.

Per le altre cartelle per le quali l’agente della riscossione aveva prodotto documentazione comprovante la richiesta di rateizzazione del debito dalle stesse portato e finanche il pagamento di un certo numero di rate (17 su 72 del beneficio concesso), pur richiamando remoto precedente di questa Corte (Cass. sez. 1, 19 giugno 1975, n. 2436), la sentenza impugnata se ne è in concreto discostata, perché, se è vero che di per sé in materia tributaria, non può costituire acquiescenza da parte del contribuente l’avere chiesto ed ottenuto, senza riserva alcuna, la rateizzazione degli importi indicati nelle cartelle di pagamento, nondimeno il riconoscimento del debito comporta in ogni caso l’interruzione del decorso del termine di prescrizione e si pone quindi in maniera incompatibile con l’allegazione del contribuente di non avere ricevuto notifica delle cartelle.

Ciò comporta, come chiarito più di recente anche da Cass. sez. 5, 8 febbraio 2017, n. 3347, che in tanto è possibile comunque la contestazione nell’an della pretesa tributaria, sempre che non siano scaduti i termini per la proposizione dell’impugnazione avverso le cartelle, nella fattispecie in esame ampiamente decorsi all’atto della proposizione del ricorso in primo grado, avuto riguardo alla data del 15 gennaio 2012 dei provvedimenti che avevano autorizzato la rateizzazione del debito richiesta dal contribuente. Il ricorso è dunque fondato in relazione al primo motivo, ciò comportando l’assorbimento del terzo, e la sentenza impugnata va cassata senza rinvio, ex art. 382 c.p.c., perché la causa non avrebbe potuto essere proposta. Le spese del doppio grado del giudizio di merito possono essere compensate, stante l’incertezza della giurisprudenza risolta dall’intervento della citata pronuncia delle Sezioni Unite.

Le spese del giudizio di legittimità seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso in relazione al primo motivo, rigettato il secondo e assorbito il terzo e cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto.

Dichiara compensate tra le parti le spese del doppio grado del giudizio di merito e condanna l’intimato al pagamento in favore della ricorrente delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 1.400,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15 per cento, agli esborsi, liquidati in Euro 200,00 ed agli accessori di legge, se dovuti.

Così deciso in Roma

 

 

 

Desidero ricevere in abbonamento gratuito il vostro periodico FiscotoDay